#LibroTRASH

Pubblicato il 12 mag 2022
visualizzazioni 87 866
0

Oh no.
Giorgia Soleri - La signorina Nessuno: amzn.to/3yyjyDu
SCOPRI IL MIO LIBRO:
LINK AMAZON: Matteo Fumagalli - Travolti dal trash nell’immenso mare del brutto: amzn.to/2V0EL7T
LINK IBS:
www.ibs.it/travolti-dal-trash...
CAIRO:
www.cairolibri.it/libri/travo ...
(SONO AFFILIATO AMAZON E LIBRERIA TLON:
Cosa significa? Cliccando sui link amazon/tlon dei libri da me citati, avrete accesso alle schede del titolo che ha suscitato in voi dell'interesse. Da questo click non ci ricavo nulla. Solo con l'acquisto del libro ricevo una piccolissima percentuale, che sfrutto unicamente per acquistare libri da, poi, recensire nel canale. Si tratta di un modo per aiutarmi a supportare il canale. Siete, ovviamente liberissimi di farlo o non farlo).
CONTATTI:
business.matteofumagalli@gmail.com
Mail fumacupido: matteo.fumagalli92@gmail.com
IG: matteo_fumagalli92
IG TUORLINO: tuorlinodeglialbumi

Umorismo

matteo fumagalli
matteo fumagalli
Commenti: 440  
  • fede rica

    fede rica

    15 giorni fa

    Per fare lo scrittore non basta avere qualcosa da raccontare, non basta la passione. Bisogna studiare tanto e con costanza, specialmente per fare poesia!

    • BrutAnedda

      BrutAnedda

      3 giorni fa

      @Gloria San boh ma il talento si scopre di averlo, e soprattutto si deve coltivare. Chi scopre di avere un talento deve impegnarsi il doppio di chi non lo ha. L'unico modo per migliorare a scrivere è scrivere, scrivere, scrivere, scrivere, in un processo per cui non si deve tener conto del tempo speso, ma solo della propria "mano" ed il proprio occhio. Non ci sono trucchi, ognuno lo può fare nel modo che preferisce, ma non è una cosa che si può affrontare senza avere la giusta coscienza della capacità di sé stessi. Non è importante avere talento o meno per scrivere, ma averlo ti fa sentire speciale, ed è per questo che la maggior parte degli scrittori di successo si può dire fossero talentuosi, ma è solo perché sono stati i primi a comprendere di averlo ed a sfruttarlo. Chi non lo sfrutta, chi non si impegna, è peggio di chi il talento non lo ha, e nelle opere si vede. Il puro virtuosismo, la ricerca di un'estetica inispirata, sono segno di autori che del proprio talento non sanno cosa farci.

    • Raffy LunaLovegood

      Raffy LunaLovegood

      4 giorni fa

      Stavo scrivendo la stessa cosa. Nel senso che non basta il contenuto. Le vite di tanti di noi sono piene di sofferenza. Eppure anche se scrivo diari non ho mai pensato di poter scrivere per gli altri

    • Ilari C

      Ilari C

      5 giorni fa

      @Gloria San i grandi autori di oggi insegnano proprio i corsi di scrittura e i testi di tecnica sono tanti!

    • Ilari C

      Ilari C

      5 giorni fa

      @Gloria San l'esercizio lo si fa per mettere in pratica le tecniche. La storia ad esempio tende ad avere una certa struttura, che si apprende con lo studio. Poi ci sono, per dire le cose più banali, i punti di vista (e se se ne sceglie uno si deve stare attenti a non scivolare in un altro punto di vista nella stessa scena), la tecnica dello show don't tell, che è fondamentale, o la scrittura dei dialoghi. Magari qualche autore di talento le indovina per istinto, ma direi che è molto difficile farlo. La scrittura come ogni arte ha una tecnica dietro.

    • Claudia Simonelli

      Claudia Simonelli

      5 giorni fa

      @Gloria San la letteratura del 2022 non può paragonarsi a quella classica (e per classica intendo di tutto, da Manzoni a Marquez, da Shakespeare a Miguel de Cervantes) per moltissimi motivi che onestamente non mi metto qui a discutere. Dovremmo davvero approfondire troppi aspetti. Ti dico solo che ti stupirebbe sapere quanti autori moderni studiano e approfondiscono, si confrontano con altri professionisti e studiano vere e proprie tecniche. Naturalmente sei liberissima di non credermi.

  • lolla

    lolla

    11 giorni fa

    Quello che ho trovato fastidioso è stato l’atteggiamento di Giorgia, completamente fuori dalla realtà: il definirsi poeta, paragonarsi ad alda merini, ammettere di non avere avuto praticamente alcun lavoro di editing, cosa che non è assolutamente un pregio ANZI denota solo il poco interesse della casa editrice al contenuto del libro in sè. Libri brutti scritti da influencer ce ne sono a bizzeffe, ma non ho mai visto nessuno avere così tanta presunzione.

    • Simonetta Turazzi

      Simonetta Turazzi

      2 giorni fa

      @Désirée scusami ma non ho capito ciò che intendi🤔

    • Désirée

      Désirée

      2 giorni fa

      @Simonetta Turazzi Certo che ad una certa età si inizia a perdere contatto con la realtà, eh?

    • Simonetta Turazzi

      Simonetta Turazzi

      2 giorni fa

      Cmq ricordiamoci che alda merini non era molto considerata mi pare.....poi è morta e sto punto piaceva a tutti......con questo non voglio dire che il libro è scritto bene .anche se in è letto da adolescenti per lo più ben venga .....almeno qualche libro riescono a leggerlo. Mettendo da parte per mezz ora il cellulare🤣

    • Anna Lida Frati

      Anna Lida Frati

      8 giorni fa

      @Désirée ma se la sua fama attuale è stata proiettata dal fidanzato, si ritorna al mio punto di vista iniziale. La maggior parte del suo bacino di utenza, sono quasi tutte ragazzine che seguono il suo compagno. Inoltre, il libro ruota intorno al loro rapporto (non è assolutamente un male questa cosa) quindi è normale che i giornali le chiedano anche e soprattutto della sua relazione. Le tematiche del libro sono quelle. È inutile alterarsi. Il fatto che sia un'attivista, non le da automaticamente una giustificazione che salvi il risultato finale del suo libro (se poi si paragona ad Alda Merini, apriti cielo) E poi, nel mondo dello spettacolo funziona così. Se hai gli agganci giusti, riesci ad emergere. Lo so, è brutto. Ma funziona così. E non è una cosa tanto nuova. La casa editrice avrà sicuramente puntato su di lei, vista la popolarità avuta nell'ultimo anno e guarda un po'? Da quando è uscita fuori la loro relazione. Probabilmente sarà sessista il mio pensiero, mi dispiace di ciò. Ma queste a pelle sono le mie sensazioni.

  • Sara Maggi

    Sara Maggi

    6 giorni fa

    Io non ho ancora letto il libro, e non credo che lo farò a questo punto. Fare poesia è difficilissimo, ci sono delle regole che bisogna seguire. E soprattutto sono d'accordo con il concetto che per scrivere non basta avere un buon vissuto, né una buona fantasia, né solo una buona comunicazione, né solo aver studiato tanto, ma serve un po' di tutto questo con un pizzico di originalità e di personalità. Se fosse così facile scrivere un libro, saremmo tutti scrittori a questo punto. Quello che mi fa rabbia è che ci sono fior fiori di ragazzi che hanno studiato, che si impegnano e che scrivono cose buone, ma che sono figli di nessuno e sanno già che i loro libri non verranno mai pubblicati da case editrici colosso e che quindi la loro strada sarà dura, quasi irrealizzabile. Sinceramente lo stesso discorso Vale per Camihawke. Questi personaggi dovrebbero vestire un filo di umiltà, perché è solo con l'umiltà e guardando in faccia la realtà che si impara e si migliora. Grazie per il tuo lavoro.

    • Gian Falco

      Gian Falco

      5 giorni fa

      Arthur Rimbaud ha smesso di scrivere a 19 anni. Tutta la sua poesia. Ed è universalmente riconosciuto come uno dei più grandi poeti di sempre. "....La Poesia non ritmerà più l'azione; le sarà davanti. Questi poeti saranno! Quando sarà spezzata l'infinita schiavitù della donna, quando ella vivrà per sé e grazie a sé, poiché l'uomo - finora abominevole, - le avrà reso il suo congedo, sarà poeta, anche lei! La donna troverà dell'ignoto! I suoi mondi d'idee differiranno dai nostri? - Troverà cose strane, insondabili, ripugnanti, deliziose; noi le prenderemo, noi le comprenderemo. Nell'attesa.... " A. Rimbaud. 15 maggio 1871. ( a 16 anni e mezzo) Quando la donna era, perlopiù, considerata un "gradevole accessorio". Ma credo sperasse in qualcosa di più dal libro della Soleri.

  • momitss

    momitss

    15 giorni fa

    "non basta che ti piaccia la poesia per scrivere poesia." duro ma giusto (purtroppo).
    Quando vedo che libri di Zorsi, Salemi, De Lellis e compagnia bella vengono pubblicati da caseditrici storiche italiane come Mondadori; e che libri, come quello che hai recensito oggi, vengono lodati dalla Stampa stessa , non mi stupisco più di nulla. Ormai con la notorietà si acquista proprio tutto al giorno d'oggi.

    • Alessandra 1986

      Alessandra 1986

      8 giorni fa

      Ricordiamo, anche, che gli esempi da te citati si affidano ai ghostwriter

    • Signy Mab

      Signy Mab

      15 giorni fa

      @momitss ma così ne fanno di più. Magari attirano pubblico che non ha mai acquistato loro prodotti. Non guardano alla qualità di ciò che mettono sul mercato, a volte si vedono proprio rilegature scadenti o errori nei testi

    • momitss

      momitss

      15 giorni fa

      Infatti tropmvo disgustovo che case editrici come Mondadori cadino così in basso per soldi... I soldi li fanno comunque

    • momitss

      momitss

      15 giorni fa

      Case editrici*

    • Signy Mab

      Signy Mab

      15 giorni fa

      Alle case editrici interessa guadagnare. Chi hai citato ha molti seguaci = vendono anche i sassi purché firmati col loro nome

  • Beatiroide

    Beatiroide

    16 giorni fa

    Era prevedibile. Essere un personaggio impegnato in qualsivoglia tema non offre un salvacondotto rispetto alla qualità del proprio operato, grazie al cielo. Il problema è che la gente spesso se ne dimentica, e qui già mi figuro un'orda di persone che si affanna a difendere questo libro, sia per le tematiche trattate che per le lotte dell'autrice.
    Edit: a te viene in mente la Zanicchi, a me Wanna Marchi che urla DUECENTOMILA VVVVAAAAII

    • Beatiroide

      Beatiroide

      13 giorni fa

      @finestra verde Ti sei rialzata?

    • Beatiroide

      Beatiroide

      13 giorni fa

      @rosanna roccatello Mah, ti dirò, in realtà sono tante le donne adulte che la seguono e la stimano in virtù del suo attivismo. A me non piace, gli attivisti del web non fanno per me, ma a prescindere da questo penso che sia ovvio che il suo seguito sia solo il riflesso di quello del compagno. Peccato che quando viene fatto notare si urli allo scandalo o, peggio, al maschilismo.

    • finestra verde

      finestra verde

      14 giorni fa

      HAHAHAHAHAH con la stangata finale della signora Marchi mi hai stesa

    • rosanna roccatello

      rosanna roccatello

      14 giorni fa

      Sì è vero al Ma la fine di cosa ci stupiamo?... sono solo le ragazzine che difendono Giorgia solari e il suo libro ma lo fanno più per Damiano che per lei,La verità è che di Giorgia non gliene frega niente a nessuno nemmeno del suo libro!!!

  • maria p

    maria p

    16 giorni fa

    “Ogni parola che scrivo mi avvicino alla morte“ . Anche io ad ogni parola che leggo delle tue, cara Giorgia.

    • Roberta

      Roberta

      4 giorni fa

      😃👏👏👏

    • Acquanetta Dimenticata

      Acquanetta Dimenticata

      5 giorni fa

      @Beatrice Toscano 😂😂😂😂

    • Rogerina M.

      Rogerina M.

      11 giorni fa

      💀

    • Isabella M. Lepore

      Isabella M. Lepore

      11 giorni fa

      La poetessa maledetta LOL

    • maria p

      maria p

      15 giorni fa

      @Beatrice Toscano 😂💚

  • A.

    A.

    15 giorni fa

    "Le poesie le prendo dalla tua erezione" E flotte di fan che si immaginano Damiano nudo. Su questo è basato il libro, tutto qui, su come sollecitare le fan che con questo libro possono finalmente guardare dal buco della serratura.
    (Tra l'altro: ho trovato davvero triste e con onestà intellettuale ZERO il fatto che prima Giorgia sui social non parlasse quasi mai/raramente di Damiano, ora lo tagga in continuazione e ne parla spesso. Riservatezza finchè non dobbiamo vendere copie. )

    • elle erre

      elle erre

      6 giorni fa

      @A. Certo , è ovvio che Damiano la stia assecondando , nonostante il forte stress del proprio lavoro . Rientrato da Los Angeles è andato con lei ad un convegno alla Cattolica, il giorno dopo alla Camera e successivamente a Milano per la pubblicazione del libro. Niente è stato casuale ma tutto studiato . Essere la compagna di una Rockstar di livello internazionale la porta ad avere maggiore visibilità , infatti come ha detto lei si sono uniti dal 2017 , cioè dopo che i Maneskin sono arrivati secondi a X Factor

    • valentina

      valentina

      9 giorni fa

      Ma davvero c'è questa frase? Ahahah mi fa troppo ridere. Trash! L'autrice non la conoscevo e lontanamente sapevo solo dei maneskin ma per il tanto clamore, però davvero questa frase mi fa scompisciare

    • Irene Volpona

      Irene Volpona

      13 giorni fa

      completamente d’accordo

    • Rina Adeelah

      Rina Adeelah

      13 giorni fa

      @A. alcuni commenti provano quello che ho scritto altrove. I culti della persona creano questi gruppi di persone che pur di difendere il proprio "idolo" parlano di invidia, cattiveria ed ecc, negando la realtà dei fatto (quella che tu hai espresso perfettamente). Questi cori indignati sotto le critiche (anche in quel caso più che lecite) nei confronti dei libri delle sorelle Valli o de la De Lellis non le troveremo mai e invece io tendo ad incazzarmi di più qui, perché da un'attivista mi aspetterei qualcosa di più. Dunque molte mie perplessità erano lecite.

    • A.

      A.

      13 giorni fa

      @Rina Adeelah e a quanto pare siamo moltissimi

  • Audreyloves305

    Audreyloves305

    13 giorni fa

    Nei suoi Diari Sylvia Plath (appena diciottenne) raccontava di aver passato un intero pomeriggio a scrivere una poesia di pochi versi, ragionando su ogni incastro, sulla metrica e su ciò che ogni parola evocava. Ho molta stima di Giorgia e stante la sua giovane età penso possa essere più che giustificabile che abbia accettato di intraprendere una pubblicazione del genere, chi non è giustificabile è la casa editrice.

    • frÆwwe

      frÆwwe

      6 giorni fa

      Alle case editrici (non indipendenti) interessa solo il nome in copertina con abbastanza followers da vendere.

    • Isabella M. Lepore

      Isabella M. Lepore

      11 giorni fa

      Ha 26 anni, non è una bambina ... È una donna! Anche se continua a comportarsi come un'adolescente.

  • Giacoma Monia Sofia

    Giacoma Monia Sofia

    14 giorni fa

    La poesia è complessa, richiede una profonda conoscenza delle questioni metriche, ritmiche e letterarie. Purtroppo era prevedibile che una voce prestata alla letteratura e non votata alla stessa avrebbe prodotto qualcosa di mediocre. Quello che mi stupisce sono alcune bookinfluecer che stanno pubblicizzando il libro e ne parlano bene, gente che ritenevo competente, solo perché la Soleri è un’attivista. Apprezzo molto la tua onestà.

  • fettallatte

    fettallatte

    15 giorni fa

    Onestà intellettuale e delicatezza, ti ringrazio anche stavolta perché non ti smentisci mai

  • irene b.

    irene b.

    16 giorni fa

    grazie per le tue recensioni oneste. In questo mare magnum di autori wannabe (tutti con le migliori intenzioni per carità) il tuo canale è un faro nella notte per distinguere quello che è frutto non solo di buona volontà e sentimenti ma soprattutto di studio accademico ed esercizio :)

  • Lithica90

    Lithica90

    15 giorni fa

    Grazie per la tua onestà e per non avermi deluso neanche questa volta. Questo libro è terrificante e il sentirlo lodare da persone che ritenevo quantomeno capaci mi ha deluso tantissimo, è oggettivamente brutto è andava detto.

    • Giulia Innocente

      Giulia Innocente

      14 giorni fa

      Esatto, lo vedo citato da persone di cui solitamente mi fido come fosse un'opera di alto livello

  • Aika Morgan

    Aika Morgan

    15 giorni fa

    Devo dire che non mi aspettavo questa recensione come libro trash, proprio perché mi sembrava che lei come persona fosse davvero una di quelle che potesse davvero colpire. L'avevo dato per scontato, conoscendola come attivista ed ammirandola per le sue battaglie. Detto ciò, trovo questo tuo video due spanne sopra gli altri: è facile recensire positivamente un libro, è anche facile ridere sopra cose stile After ma non è facile criticare costruttivamente qualcosa che, si percepisce, ci ha deluso. E tu ci sei riuscito, si vede proprio che ti spiace per l'occasione persa, sei limpido e onesto e sono due caratteristiche che ti rendono speciale.

  • Lia Fontanarosa

    Lia Fontanarosa

    15 giorni fa

    Seguo Giorgia da un po', all'inizio con molte remore, in quanto non mi aspettavo chissà che personaggio, ma poi quando ha iniziato a fare attivismo mi sono interessata a lei e speravo, fino all'ultimo, che il prodotto letterario da lei creato fosse, che so, almeno godibile. Le mie aspettative si sono infrante quando ha iniziato a leggere le poesie nelle sue IG stories. Concordo con te sulle occasioni sprecate di poter esprimere con la letteratura dei pezzi di vita vissuta, ma è anche vero che fare i poeti improvvisati, guarda caso, sono sempre personaggi pubblici famosi per altro. Mi dispiace di più per chi studia per fare poesia e viene oscurato da dilettanti allo sbaraglio che hanno il solo vantaggio di avere visibilità.

  • Isocardia

    Isocardia

    9 giorni fa

    Questa moda della poesia che si risolve in una sequela di a capo ad minchiam sta facendo seri danni.
    Ammiro il coraggio di Giorgia Soleri nel parlare di una malattia che coinvolge la sfera intima, condivido le sue lotte e la ringrazio per aver portato all'opinione pubblica patologie femminili fino a pochi anni fa completamente ignorate.
    Ma essere scrittori e poeti è un'altra cosa.
    Pubblicare certe mediocrità è una mancanza di rispetto nei confronti di chi fa davvero arte. Maturità e intelligenza dovrebbero implicare anche avere coscienza dei propri limiti e qui questa coscienza manca del tutto.
    Mi dispiace.

  • Lucia Gianquitto

    Lucia Gianquitto

    15 giorni fa

    io se fossi un'editore a Giorgia Soleri avrei chiesto di scrivere un'opera relativa al suo attivismo sul riconoscimento dell'endometriosi, della vulvodinia e della neuropatia del pudendo

    • mara sivan

      mara sivan

      11 giorni fa

      @Agatha Black è vero che su temi medici esistono libri di medicina, ma quanti libri esistono che parlano di esperienze di vita legate a un certo tipo di patologie, come la vulvodinia per esempio? sarò sincera, avrei preferito cento volte un libro scritto da una ragazza che tocca condizioni psicologiche (dovute a considizioni mediche) e temi difficili, ai quali non si presta solitamente troppa attenzione e che possono toccare molt* ragazz* da vicino, piuttosto che vedere pubblicato l'ennesimo libro di poesie trash alla rupi kaur.

    • camilla esposito

      camilla esposito

      11 giorni fa

      anche difficile scrivere di una storia di attivismo iniziata tipo 2 anni fa. ci sono attivisti che lavorano una vita prima che la loro storia venga raccontata

    • deathly allows

      deathly allows

      13 giorni fa

      Purtroppo agli editori non importa molto ciò di cui scrivi ma chi sei e quanto farai guadagnare loro

    • deathly allows

      deathly allows

      13 giorni fa

      @Agatha Black no certo, ma metti su carta la tua storia che sicuramente è molto più interessante di tante altre di altri youtubers/influencers/tiktokers ecc

    • Agatha Black

      Agatha Black

      15 giorni fa

      Non bisogna per forza scrivere un libro su tutto. E sui temi medici esistono libri di medicina👌🏻

  • Simona Gammariello

    Simona Gammariello

    14 giorni fa

    Apprezzo la tua recensione, sei stato onesto intellettualmente. Io il libro non l'ho letto però quando la dottoressa Andreoli, che stimo molto, scrive di aver pianto leggendolo o addirittura nella sua caption instagram ci mette Montale e Patrizia Cavalli pensi tutt'altro. Non so se esser più delusa da Giorgia a questo punto o da tutti quelli che la circondano.

    • Mm Ui

      Mm Ui

      12 giorni fa

      Che vergogna

    • Angelica Robimarga

      Angelica Robimarga

      13 giorni fa

      Spesso Andreoli mi sorprende, spesso mi delude

    • Rina Adeelah

      Rina Adeelah

      13 giorni fa

      C'è un culto della persona attorno a molte figure "social" quindi in fin dei conti non è nemmeno colpa di Giorgia, ma di queste persone che magari il libro nemmeno l'hanno letto ma che per partito preso lo reputano un capolavoro. Sono dinamiche viste e riviste.

  • FRANCESCA TOFFANO

    FRANCESCA TOFFANO

    16 giorni fa

    MATTEO SEI UN’ICONA, pensavo da giorni a questa recensione e soddisfi sempre le aspettative, ti apprezzo dal primo video che hai fatto 💚 Giorgia è una grande donna e con una storia molto importante e influente da raccontare, l’occasione è stata un po’ persa a parere mio perché il libro non ha avuto il contenuto che mi aspettavo. Spero che Giorgia sappia apprezzare anche le “critiche” solamente costruttive ed essere più introspettiva e profonda nel prossimo libro.

  • Carmine D'Avino

    Carmine D'Avino

    15 giorni fa

    L'idea delle pagine bianche e' palesamente ispirato all'episodio dei Griffin in cui Brian scrive un libro e non sa come arrivare a un certo numero di pagine ahah.

    • La Baker

      La Baker

      15 giorni fa

      Ahahhahahhahaha

  • Penny Lane

    Penny Lane

    16 giorni fa

    Secondo me questi influencer vivendo nella loro bolla di adulazione perdono il contatto con la realtà e non si rendono conto dei propri limiti. All'editore interessa solo guadagnare... ma qualche amico sincero questa ragazza non ce l'ha? Leggo che qualcuno le ha detto sarebbe stata la nuova Alda Merini... Ma come si fa.
    Matteo sei stato delicatissimo qui, sempre un signore.

    • Isabella M. Lepore

      Isabella M. Lepore

      9 giorni fa

      Ma anche solo il suo ragazzo, eh... non che il livello dei testi di Damiano sia così più poetico, ma avrà qualcuno che lo ha corretto di tanto in tanto...

    • Ilaria F.

      Ilaria F.

      13 giorni fa

      Non credo che perdano il contatto con la realtà, penso siano gli influencer i primi a voler monetizzare e basta, non sono persone ingenue.

    • Aura Di Giovanni

      Aura Di Giovanni

      15 giorni fa

      Bravaaaaa!!! Di letteratura, qualità, conoscenza non c'è niente in questi ITload, che vanno bene per Tiktok e Instagram ma, sicuramente, non per la cultura. Sono troppo presuntuosi e non hanno la decenza di fermarsi, prima d'entrare in ambiti che non gli competono per nulla.

    • Vera Guidorizzi

      Vera Guidorizzi

      15 giorni fa

      Alda Merini????😫😫😫

  • Beatrice Bartolomeo

    Beatrice Bartolomeo

    4 giorni fa

    Per me la recensione è fin troppo benevola. Non c'è nessun universo da raccontare in Soleri, se non in quanto un universo è in tutti noi. Giustamente è stato sottolineato da Fumagalli che la poesia non è il proprio vissuto. Ha una sua necessità di essere la poesia, che non coincide appunto con il vissuto, con il dolore, con la passione, con il talento, con lo studio, con la lettura, con la memoria letteraria, con la metrica... e che pure ha bisogno di tutto questo e anche di tanto altro. Ungaretti, tanto per citare un poeta molto conosciuto e amato, un poeta che 'andava a capo' non certo a caso, diceva che la poesia deve contenere un segreto, senza segreto non c'è poesia. La poesia vera è sempre complessa, anche quando non sembra. La verità è 'al fondo', e la poesia rifugge la banalità come la gratuita artificiosità. Sempre Ungaretti diceva (e spiegava a tutti noi): "Quando trovo / in questo mio silenzio / una parola / scavata è nella mia vita / come un abisso".

    • Valeria Canzian

      Valeria Canzian

      4 giorni fa

      👏👏👏👏👏👏

  • Anna O.

    Anna O.

    15 giorni fa

    Poi posso dire una cosa su tutte le narrazioni di relazioni tossiche? Adesso se ne parla ed é un bene, ma che ogni libro per i giovani adesso debba contenere un riferimento alle relazioni tossiche... 1) le inflaziona banalizzandone e non é un bene, 2) é un argomento difficile quindi va trattato da esperti e con delicatezza se no non funziona, 3) toccarlo così ovunque lo fa sembrare normale ed una fase, un esperienza che hanno tutti quando in realtà non lo é. Che poi molte delle narrazioni tossiche che vengono narrate nei libri in realtà psicologicamente non lo sono neppure ma sono solo relazioni di persone che non le sanno gestire .

    • Anna O.

      Anna O.

      15 giorni fa

      @angela flawless Di nulla. semplicemente conoscendo donne che ne hanno subite mi fa rabbia leggere, sentire e vedere storie immature, infantili e disimpegnate spacciate per relazioni maltrattanti. Penso a quelle tre donne che ho aiutato a rifarsi una vita insieme ai miei amici e mi fa molta rabbia.

    • angela flawless

      angela flawless

      15 giorni fa

      Grazie

    • Anna O.

      Anna O.

      15 giorni fa

      @Beatiroide certamente, ci mancherebbe altro! Io sono parecchio attiva nel campo e mia nonna di 92 anni é una femminista da quando ne aveva 17 e si é fatta tutte le battaglie in piazza, lei e le sue colleghe di donne maltrattate psicologicamente , fisicamente, economicamente, ecc... ne ha viste. Adesso una sedicenne con un ragazzo rocchettaro di vent'anni che la tradisce e la fa vestire solo di nero a lui risalta anche se a lei sta male é una relazione violenta, e le sue amiche che la deridono perché lei gli perdona il centesimo tradimento e non si leva quegli stracci sono delle stronze. Poi a venti quando conosce un altro lo pianta e fine dei giochi. Una donna maltrattata o una ragazzina che in quanto tale era inesperta e non sapeva gestite una storia che appena diventata un pochino più consapevole ha chiuso senza sé e senza ma? Una ventenne che lascia il convivente dopo tre anni di "maltrattamenti" e torna a casa di mamma e papà che mai avevano approvato lui, perché pagava sempre tutto lei, lui pretendeva regali costosi ma non contraccambiava mai mentre alla madre regalava le perle (pagate sempre da lei), dopo aver conosciuto un altro che ci tiene e la vizia? Una donna maltrattata o una ragazza che si ostinava a stare con un tirchione mantenuto che pensava di essersi sistemato e che ha capito che l'amore non paga tutto? Queste sono relazioni sbagliate? Certo non c'è dubbio. Sono donne maltrattate? No, sono solo donne inesperte e immature che poi imparano e maturano, fanno esperienza e imparano e riescono a gestire un rapporto. Ci sono sempre state ma non facevano così scalpore, brutte esperienze che abbiamo avuto quasi tutti con certi individui, ma allora siamo tutte donne e uomini maltrattati? Diamo il giusto peso alle cose. Perché poi chi queste cose le subisce davvero (e io me conosco tre!) viene sminuito e banalizzato!

  • Martina Stefani

    Martina Stefani

    15 giorni fa

    La scena dei due che lo fanno urlando "cento" tipo Iva Zanicchi de 'il prezzo è giusto' me la porterò dietro fino a stasera. Ottimo

    • La casalinga di Moabit

      La casalinga di Moabit

      15 giorni fa

      Forse voleva citare Catullo, ma ha evocato Iva Zanicchi 🙀

  • Rina Adeelah

    Rina Adeelah

    13 giorni fa

    Secondo me l'aspetto più problematico di situazioni come queste, è che sui social network ormai si tende ad idolatrare chiunque. Si tende davvero a creare dei culti della personalità , quindi si finisce per aver "timore" di criticare queste figure che sembrano essere inattaccabili.
    Lei che poi reposta persone che le dicono "sei una poetessa" "mi hanno detto di essere la nuova Alda Merini", io boh, resto perplessa. Come dite voi tutt*, in quanto attivista avrebbe potuto fare molto di più invece ha finito non solo per prendere mooolto ispirazione da raccolte di poesie come quelle della Kaur ma di scrivere cose che nemmeno su Tumblr a 16 anni...
    Poi spesso quando si è in una posizione di "privilegio" mediatico come nel suo caso, si possono fare cose che altri non riescono a fare nemmeno in una vita intera.
    Tantissimi scrittori emergenti (o che mai emergeranno) non avranno nemmeno un quarto della sua popolarità e questo un po' fa storcere il naso. Ovviamente mi dissocio dalle critiche super offensive che ho letto su alcune piattaforme e apprezzo come sempre la tua pacatezza.
    Mi rattrista spesso leggere "fanbase" di questi personaggi emergenti insorgere con frasi come "siete invidiosi". Quello è il massimo che riescono ad argomentare, non considerando che da attivisti e presunti tali, uno si aspetta qualcosa di molto più profondo e significativo.

  • A

    A

    13 giorni fa

    Grazie Matteo per la professionalità e serietà con cui approcci a tutti i libri, anche in casi come questi in cui l'autrice stessa ha l'ardire di paragonarsi alla Merini e ad autoincoronarsi poetessa dimostrando una superficialità e una superbia verso le quali quasi non viene voglia si riservare lo stesso tatto che hai usato tu.

  • Federica Minghetti

    Federica Minghetti

    16 giorni fa

    il problema é che lei crede di essere una poetessa, addirittura ho letto articoli in cui qualcuno (credo il fidanzato) la accosta ad Alda Merini.

    • Costanza Morchio

      Costanza Morchio

      8 giorni fa

      Pensavo di essere l’unica “immune” al mania per i maneskin, saranno anche bravini ma credo che se non fossero bellocci e trasgressivi non sarebbero così osannati.

    • Gino T

      Gino T

      8 giorni fa

      @김미미🦋 infatti sono un gruppo proprio mediocre anche paragonati agli altri gruppi italiani. Sopravvalutatissimi

    • AVONalessiaROMA

      AVONalessiaROMA

      10 giorni fa

      @김미미🦋 non si sono inventati nulla, ma quello che fanno lo fanno bene e piacciono in tutto il mondo, sono dei buoni musicisti ed ottimi animali da palco ( premetto che non mi piacciono e non li seguo). Da quello che ho capito questo libro non piace e lei non è capace di fare la poeta ..... Direi che è un problemino.....

    • Monica Magdala Macina VoxMotus

      Monica Magdala Macina VoxMotus

      11 giorni fa

      Esatto!!!!!!

    • Diamante Blu

      Diamante Blu

      13 giorni fa

      @김미미🦋 tutto è già stato fatto nella musica, non per questo non si può apprezzare un gruppo.. solo perché riprende qualcosa che si è già fatto in passato... e tranquilla, finché non cadi nell'insulto nessuno ti può querelare solo perché esprimi la tua opinione

  • LadyCharlotte

    LadyCharlotte

    5 giorni fa

    Non commento il testo perché non l'ho letto, ma da tumblerina che nel 2012 leggeva quelle frasi (e già allora crepavo dalle risate) ti capisco benissimo!!

  • Ginevra Betti

    Ginevra Betti

    16 giorni fa

    Che peccato vedere una simile opportunità così sprecata, Giorgia avrebbe avuto tanto da raccontare. Poesie proprio bruttine.

    • girlfrmars

      girlfrmars

      12 giorni fa

      non sono poesie

    • A.

      A.

      15 giorni fa

      Non sono nemmeno poesie a dirla tutta... sono più che altro pensieri banali che vanno improvvisamente a capo

    • - 🍃 ᴄxʟʟ ᴍᴇ Iʟʏ 🍃 -

      - 🍃 ᴄxʟʟ ᴍᴇ Iʟʏ 🍃 -

      15 giorni fa

      Ora mai la poesia vera sta morendo! Che peccato! 💔

  • Julie Demar

    Julie Demar

    9 giorni fa

    Il momento più alto in assoluto è quello team rocket:
    Matteo: "Non basta che ti piaccia la poesia per scrivere di poesia"
    Manlia: MIAOOOOW (proprio così)

  • Nunzia Noviello

    Nunzia Noviello

    15 giorni fa

    Io adoro Giorgia Soleri, l'ammiro tantissimo e la trovo una ragazza molto intelligente, però trovo sia anche giusto recensire in modo trasparente i libri, quindi bravo Matteo per dire quello che pensi sempre e comunque! 👏

  • DadoPlath

    DadoPlath

    15 giorni fa

    Questa recensione apre a una questione più ampia che riguarda le case editrici. Come ho già letto in altri commenti tutto si riduce al raggiungimento del profitto e non al reale riconoscimento del valore dell'opera. Ricordo tristemente che Amelia Rosselli, Cristina Campo, Antonia Pozzi e Fernanda Romagnoli, solo per citarne alcune, sono praticamente sconosciute ai più. Trovo desolante dare risalto a chi ha più seguaci rispetto a chi ha più talento.

    • DadoPlath

      DadoPlath

      7 giorni fa

      @ce Amelia Rosselli - "Serie ospedaliera"; Cristina Campo - "La tigre assenza"; qualsiasi raccolta di poesie di Antonia Pozzi e Fernanda Romagnoli.

    • ce

      ce

      7 giorni fa

      Ciao, potresti consigliarmi delle raccolte valide di poesia? Magari di queste autrici che hai citato, praticamente non conosco gli autori contemporanei. Vorrei capire se la poesia si è estinta o no

  • 林英敏

    林英敏

    12 giorni fa

    Speravo in una tua recensione di questo libro 🤩
    Io ho trovato che alcune frasi fossero proprio grammaticalmente sbagliate, o comunque rese inutilmente complesse, proprio difficili da comprendere, non perché fossero particolarmente profonde, ma proprio perché scritte male. È un peccato, perché anche a me la Soleri piace come persona e la seguo volentieri. Purtroppo, che piaccia o no, per creare a livello artistico non basta ricorrere all'ispirazione del momento, bisogna studiare tanto, tanto, tanto. Nel suo caso, io personalmente amplierei il vocabolario (perché quello utilizzato è oggettivamente limitato, utilizza sempre più o meno gli stessi termini) e studiare la metrica, studiare a fondo la poesia, le figure retoriche, ecc... Non è affatto stupida, anzi, è una persona intelligente, quindi ha tutte le qualità per migliorare

  • Gloria Lovely

    Gloria Lovely

    15 giorni fa

    21:07
    Matteo: "Non basta che ti piaccia la poesia, per scrivere di poesia."
    Manila: Mrrrow! (Bravo)
    Metto un cuore solo per lei, Manila nuova queen! ❤

  • Mariachiara Mennucci

    Mariachiara Mennucci

    14 giorni fa

    Sei stato troppo buono e troppo giustificate. Quelle poesie sono brutte. Non sono nemmeno aforismi. Sono le frasi che si scrivevano sulla Smemoranda. Ora su facebook girano frasi più raffinate e più complesse.

  • Diletta P.

    Diletta P.

    15 giorni fa

    Ogni volta che viene pubblicato un libro del genere, di persone che non leggono poesie o romanzi ma si sentono poeti e romanzieri, come se fosse un talento con cui ci si sveglia da un giorno all'altro e non un'arte da praticare in maniera matta e disperatissima divorati da un fuoco come quello delle guglie di Notre dame, sento l'esigenza di un Matteo Fumagalli editor che li lega a una sedia a leggere stile Arancia Meccanica finché non imparano o capiscono che non fa per loro. Certo è colpa anche di chi pubblica questi "libri" per la firma famosa e di chi li compra per tifo e non li legge.

  • Giada Cristina

    Giada Cristina

    15 giorni fa

    Seguo con piacere Giorgia.
    È una ragazza combattiva che ha il coraggio di portare la sua storia come esempio. Grazie a lei stiamo sempre più diffondendo consapevolezza su malattie condannate ad essere invisibili.
    Quando ho saputo che sarebbe uscito un libro ero molto curiosa. Così ho recuperato il suo libro, non mi aspettavo fosse un libro di poesie ed ero piacevolmente sorpresa che si fosse dedicata a questo genere letterario. Così ho aperto la prima pagina e ho cominciato a leggere e.... no, subito dopo ho chiuso il libro amareggiata, delusa. Mi aspettavo molto da lei. Ma non mi attendevo una scopiazzatura di "Milk and honey" di Rupi Kaur. Ho amato visceralmente Rupi e le sue poesie, i disegni a corredare ogni poesia come fossero dei mini quadri. Quindi quando ho visto dei disegnini e delle poesie facsimile Rupi Kaur ho chiuso tutto delusa. Credo sia scorretto affermare sia un libro trash poiché è solo un libro copiato da Rupi Kaur. Il mio sostegno alle battaglie di Giorgia sarà sempre presente, ma non nascondo di esser rimasta delusa. L'editor avrebbe dovuto consigliarle di scrivere un libro su altri argomenti. Giorgia ha molto da dire. Banalmente avrei accettato un libro in cui raccontava della sua esperienza con l'endometriosi e vulvodinia e del loro ingresso (finalmente) nei LEA.
    Che occasione sprecata...

  • miriam

    miriam

    14 giorni fa

    La tua onestà è sempre conforto e aria fresca 🤍 Ho solo letto degli estratti di questo libro, eppure non riuscivo a fare altro che chiedermi se avrebbe mai trovato pubblicazione senza il nome dell’autrice: banale, vuote nel detto e nel trasmesso, quasi infantili nella ricerca di un pubblico adolescenziale che mastica poco di poesia ed è generalmente di fascine trasporto (o forse sta solo vivendo la sua era Tumblr, senza stare su tumblr). Nulla di male, ma troppo grandi le premesse e forti i cori di acclamo prima della pubblicazione.

  • Alessandra Fasino

    Alessandra Fasino

    13 giorni fa

    Sono una scrittrice di poesie che ha pubblicato due libri di poesie su Amazon, una "Signorina Nessuno", per citare il titolo di questo obbrobrio. Ogni mia poesia ha dietro mesi e mesi di lavoro, di cancellature e riscritture, di notti insonni e crisi di pianto.
    Leggere le poesie di Giorgia mi ha quasi fatto passare la voglia di fare ancora poesia.
    Grazie,Fuma.

    • Monica Flute

      Monica Flute

      10 giorni fa

      Assolutamente no. Smettere di scrivere è proprio ciò che non devi fare, soprattutto se hai del talento ma anche se sei una persona che semplicemente ci mette passione, si applica e "studia" in un certo senso, per scrivere. Uno scrittore lo sa bene che una serie di ragioni intrinseche gli impediscono di "smettere di scrivere", nonostante talvolta minacci di farlo perché esasperato da cause esterne, è infine la scrittura a richiamarlo sempre a sé. Tornando al principio però, non abbandonare la poesia perché altrimenti significa darla vinta a tutto ciò che sta dietro a questo tipo di situazioni: non-libri spacciati per tali, di persone che non meritano di pubblicare, per conto di grandi case editrici che lavorano soltanto in funzione del "dio soldo" e non del contenuto dei testi pubblicati. Quindi, non smarrire la tua essenza di poetessa e scrittrice per colpa della realtà marcia che ci circonda e che non lo merita assolutamente. Rimani sempre fedele a te stessa 🖋

  • GIS N

    GIS N

    9 giorni fa

    "Metafore ardite che in verità diventano supercazzole"
    Riassunto di tutto 🙏🏼 ne ho letta solo una basta ed avanza.
    Stupenda la citazione su Vasco Brondi.

  • grazia russo

    grazia russo

    12 giorni fa

    Dopo la lettura dei brani, posso dire che la tua recensione é fin troppo positiva. Complimenti per la pacatezza

  • Mariachiara Lobefaro

    Mariachiara Lobefaro

    15 giorni fa

    Finalmente un po' di onestà intellettuale in questo becero mondo.

  • minute of decay

    minute of decay

    15 giorni fa

    Grazie per la tua recensione, Matteo! A malincuore (perché ho stima di Giorgia, come attivista) devo concordare con le tue opinioni.
    Stavo pensando che magari, se ti va, potresti fare un video sulle tue raccolte di poesie contemporanee preferite (a meno che tu non lo abbia già fatto e io me lo sia persa hahahaha)

  • Själ92

    Själ92

    16 giorni fa

    Sei spietatamente sincero, ma è bella ed apprezzabile l'onestà. Sono comunque curiosa di leggere il suo libro, e farmi una mia idea personale del testo.
    Comunque adoro la tua dialettica; rimango incantata a sentirti. Cerco personalmente di parlare al meglio e stimo al massimo chi discorre con un linguaggio forbito, parole ricercate e, soprattutto, con cognizione di causa. Scusa il commento magari fuori luogo, ma mi premeva dirlo.
    🙂

  • TDD707

    TDD707

    15 giorni fa

    Ciao, Matteo! Avendo sentito nominare Tumblr più volte nel video, volevo farti sapere che, grazie al progetto di un graphic designer, è in corso una "rilettura di gruppo" di Dracula proprio su Tumblr. Circa 100.000 persone si sono iscritte. La particolarità sta nel fatto che la lettura avviene a seconda delle date riportate nel libro. Abbiamo già letto alcune pagine del diario di Jonathan e delle lettere tra Mina e Lucy. Ogni giorno vengono creati tantissimi post al riguardo, alcuni molto seri, altri sono dei meme. Ma, oltre al grande numero di "partecipanti", è interessante vedere come venga percepito un romanzo simile al giorno d'oggi sui social.

  • Stefania Giancane

    Stefania Giancane

    7 giorni fa

    Bravissimo: bisogna distinguere il dato estetico da quello emotivo e personale. A me Giorgia piace molto, è una ragazza in gamba, la stimo molto per il lavoro che sta facendo per tutte le donne che soffrono dei suoi stessi problemi di salute, ma riesco (e devo) distinguere la simpatia che ho per lei dal dato puramente estetico, dalla qualità della sua raccolta che è davvero bassa e addirittura imbarazzante. Davvero un'opera prima non buona, spero che per la prossima si faccia seguire da qualche persona competente e che - nonostante il suo caratterino - ascolti anche le voci dei detrattori e non solo di chi esalta le sue poesie, che faccia un po' di autoanalisi, si rimbocchi le maniche e inizi a studiare seriamente. Rimane il fatto che è una ragazza in gamba, tosta e anche tenerissima.

  • Beatrice Mauriello

    Beatrice Mauriello

    13 giorni fa

    Sei veramente una persona in gamba, onesta e intelligente! Stavo facendo proprio lo stesso discorso l'altro giorno con alcune amiche, condivido ogni tua parola. in Purtroppo la colpa non è tanto degli autori ( a volte, come credo in questo caso, vittime ingenue e inconsapevoli di un sistema che vuole solo farne carne da introiti, e altre volte personaggi furbi che sanno sfruttare il mercato) ma delle case editrici, dagli anni '80 in poi una tragedia verticale...

  • A.S. 2D

    A.S. 2D

    14 giorni fa

    Concordo 100% purtroppo quelle non sono poesie. Il paragone con Alda Merini è praticamente un insulto, nemmeno tanto alla Merini, ma ai suoi lettori. La promozione del libro è stata totalmente errata, hanno creato aspettative altissime per un libro per tredicenni. Come poteva essere NON accolto male? Sono dispiaciuta sinceramente per Giorgia Soleri di cui ho tanta stima, ma questo libro è una colossale figuraccia.

  • Alfonso Di Leva

    Alfonso Di Leva

    15 giorni fa

    Quando vuoi fare poesia ma non sai come usare Enjambement, figure Retoriche e la butti sull'avanguardia 😂

  • Diamante Blu

    Diamante Blu

    13 giorni fa

    A me Giorgia Soleri piace, è una ragazza tosta, impegnata nel sociale e con grinta da vendere; l'ho ascoltata in un'intervista di un paio di giorni fa e l'ho trovata molto consapevole x la sua età, presente a se stessa, insomma, proprio come te, provo una grande ammirazione nei suoi confronti. Del suo libro non posso dire nulla perché non l'ho ancora letto e non so se lo farò (questa tua recensione non è che invogli tanto 😄) però una cosa mi sento di dirla e non a lei ma a te... mi complimento per il modo educato con cui ti poni... direi in modo "diversamente " delicato ma pur sempre diretto, dimostrando quindi che è possibile partorire una critica tagliente con un tono garbato e rispettoso poiché l'opera oggetto di critica si può anche disprezzare, ma l'autore, in quanto essere umano, no. Purtroppo nei commenti qui sotto ho constatato che non sempre si è mantenuto lo stesso garbo e rispetto ma si sa, come disse Qualcuno, grano e zizzania crescono insieme. Rinnovo i miei complimenti per il tuo canale e naturalmente mi iscrivo:)

  • Aura Di Giovanni

    Aura Di Giovanni

    15 giorni fa

    Molte persone stanno male, ma non è che adesso tutti si mettono a scrivere libri. Il dolore si può anche mantenere in ambito privato. E, poi, smettiamola di chiamare "scrittori/scrittrici" persone che possono redattare a mala pena la lista della spesa.

  • Atena F.

    Atena F.

    15 giorni fa

    Io nemmeno sapevo chi fosse Giorgia Soleri 😅…..
    Grazie di cuore per questa meravigliosa e soprattutto, sincera recensione !! È sempre un piacere ascoltarti 🤍

  • Andrea Di Trapani

    Andrea Di Trapani

    16 giorni fa

    Ieri ho scaricato l'estratto su Amazon, non avevo completamente capito che fosse un libro di 'poesie' anche se ieri ho visto una sua intervista in un programma televisivo dove il libro veniva presentato 😂😂. Non mi stanno piacendo e la tua recensione ha messo luce sul mio malessere, desideravo leggere qualcosa su di lei e sul suo percorso di salute che anche grazie al suo ragazzo Damiano dei Maneskin ha avuto molto riscontro televisivo. L'unica cosa che mi piace è la copertina molto particolare. Grazie sempre per le recensioni ❤

    • fucsia (emilia c.)

      fucsia (emilia c.)

      15 giorni fa

      @Anna Belluzzi sapevo che qualcuno avrebbe colto la cit 🤣

    • Anna Belluzzi

      Anna Belluzzi

      15 giorni fa

      @fucsia (emilia c.) Un po' di leggeressssss 💜💜💜

    • Andrea Di Trapani

      Andrea Di Trapani

      16 giorni fa

      ​@fucsia (emilia c.) Si dalla Bortone. A me piace, l'ho conosciuta attraverso un video di Facebook dove in una protesta femminista parlava del suo problema della vulva ma non sapevo che era la fidanzata di Damiano, l'ho scoperto la settimana scorsa sui telegiornali anche perché non sono più nell'età di seguire qualcuno sui social come influencer. Ieri infatti non mi è piaciuta com' era vestita, non sembrava lei con tutto quel rosa ma sembrava Greta Menchi di qualche anno fa

    • fucsia (emilia c.)

      fucsia (emilia c.)

      16 giorni fa

      Dalla Bortone? Anch'io l'ho vista lì e non avevo capito che fossero poesie, pensavo tipo un memoir un po' lirico. Comunque lei senza offesa ma mi pare di una pesantezza estrema, nel senso che si prende troppo sul serio (un po' di leggeress come direbbe qualcuno)

  • marta cossu

    marta cossu

    15 giorni fa

    Per la “metafora”/gioco di parole di amore come morte ti consiglio di dare una lettura al De carnale amore di Guittone d’Arezzo, in cui vediamo la curiosità medievale per le para-etimologie (in questo caso 200esca).
    Citazione colta o banalità plurisecolare?

  • Giulia Cicci

    Giulia Cicci

    14 giorni fa

    Ciao Matteo, sono assolutamente d'accordo con i tuoi pensieri sul libro ed in generale sull'idea di letteratura e comunicazione. Volevo approfittare di questo commento per chiederti dei consigli su come approcciarsi alla poesia contemporanea italiana ed internazionale, magari suggerendo autori e autrici. Ti ringrazio, e buon lavoro! Grazie di cuore per i tuoi video!

  • Giulia Faeta

    Giulia Faeta

    15 giorni fa

    Ottima recensione Matteo! 🤩 Ti sei spiegato molto bene e ho provato molto interesse ad ascoltarti, pur non avendo io alcun interesse nel libro📚

  • elle erre

    elle erre

    6 giorni fa

    L' autore del video ha fatto un' analisi molto profonda . E' Bravissimo

  • Sonia Cirillo

    Sonia Cirillo

    15 giorni fa

    Grazie, avevo bisogno di sentire una voce VERA dopo tutte le caccole lette in giro su quanto fosse bello

  • SerenaS

    SerenaS

    15 giorni fa

    Alda Mirimerlo🤟 Basta vi prego, io passo la vita a insegnare letteratura italiana e poi gli standard sono quelli del cuore alla brace....almeno fosse "il cuore in caldo" di Ariosto💜

  • GM

    GM

    15 giorni fa

    Speravo in una tua recensione. Grazie per l'onestà che dimostri di avere!

  • Dawkins Fan

    Dawkins Fan

    14 giorni fa

    Caro Matteo, quando uno ha studiato e letto molta letteratura del passato, capisce che quando c'è la smania di far sembrare nuovo quello che in realtà è già stato trattato da secoli (come ben dici tu), si dovrebbe accendere la lampadina del trash!

  • Shyntae

    Shyntae

    15 giorni fa

    Ho visto questo video ieri sera, ho letto il libro stamattina, in poco più di mezzora. Io ho il cartaceo, il problema pagine bianche non c'è; Giorgia mi piace e la seguo con piacere, tuttavia... Non so, non lo definirei un libro trash, però sicuramente neppure la definirei una scrittrice vera e propria, bensì in fasce. Mi piace e non mi piace, insomma: emotivamente la vorrei abbracciare, a livello di scrittura però c'è davvero tanto su cui lavorare di più e meglio. C'è tanta urgenza di dire, di raccontarsi, di espiare ed esorcizzare con la poesia il proprio vissuto; pure, non c'è uno stile ben identificabile, gli a capo sono spesso senza filo logico se non quello di frantumare quanto più possibile il discorso (sono sempre versi liberi molto, molto brevi), con tuttavia a volte qualche nota stonata con enjambement e compagnia. Un poeta può naturalmente avere fasi e stilemi differenti da scritto a scritto, ma in una raccolta d'esordio bisognerebbe comunque affidarsi ad una certa coerenza interna che, purtroppo, trovo manchi. Le sezioni funzionano e al tempo stesso sembra a volte di vedere degli avanti e indietro che probabilmente rispecchiano il suo vissuto (la vita del resto non è lineare), ma l'impiego di Icaro in parti differenti ti fa dapprima pensare che si parli sempre della stessa persona, poi invece supporre siano relazioni e persone diverse. Penso che i semi per una buona scrittura ci fossero, ma si siano persi a causa di una mancanza di distacco che, quando si rivede qualcosa per la pubblicazione, deve esserci, nel momento secondo rispetto all'urgenza della scrittura. Manca, insomma, una rifinitura che elimini alcune frasi che finiscono per banalizzare alcune immagini talvolta interessanti che ci sono; manca una selezione più accurata proprio delle immagini stesse (che si ripetono in alcuni casi, ma non come immagini proprie dell'autrice, bensì ripetizioni di metafore molto inflazionate), manca insomma un editing davvero migliorativo, che comprendo per la poesia essere più difficile perché va a intaccarne la costruzione stessa a volte, ma che secondo me qui serviva. È un enorme peccato e una grande occasione mancata, perché il progetto c'è, si intravedono le intenzioni, il bisogno, il "qualcosa da dire", ma così non funziona. Con un lavoro più profondo da parte dell'agenzia letteraria e della casa editrice, io penso che sarebbe potuto venire fuori qualcosa di davvero bello e significativo, così...siamo davvero a metà, ed è un grosso peccato, considerato che Giorgia ha /tanto/ da dire e, con il giusto aiuto, secondo me avrebbe potuto dare molto di più. C'è tanto di lei in questo libro, c'è tuttavia poca rifinitura e labor limae. Spero tanto che il prossimo libro da parte sua - perché sì, ne vorrei comunque leggere altri e vederla crescere - sia migliore!

  • Arianna

    Arianna

    7 giorni fa

    Ero incuriosita da questo libro così ne ho letto una breve anteprima, e ora ascolto alcune citazioni da te. A me queste immagini gloomy e, insieme, grottesche fanno venire in mente Tim Burton. Evidentemente c'è un voluto rifarsi allo stile gotico, però come dici tu gli esiti sono piuttosto piatti e convenzionali.

  • Caterina Ciriani

    Caterina Ciriani

    15 giorni fa

    In teoria il libro dovrebbe essere godibile anche da parte di persone che non sanno chi è Giorgia Soleri. Quindi il lettore che non conosce la sua storia dovrebbe riuscire a percepire la forza delle emozioni senza riferirsi ai pensieri dell'autrice.

  • 달95 again

    달95 again

    15 giorni fa

    Matteo, ieri ho visto il film "Illusioni perdute" e credo, anzi, ne sono certa che le recensioni di giornali e "critici" sono tutt'oggi pagate per essere positive. E mi dispiace che la vera letteratura sia trattata come un mero prodotto commerciale e non come un mezzo per accrescere il proprio essere

  • Michela Roasio

    Michela Roasio

    15 giorni fa

    10:40 "Questa recensione sarà anche breve, essendo un libro per la maggior parte del tempo vuoto" – a seguire, un altro quarto d'ora di improperi 😆

  • Gregory House

    Gregory House

    15 giorni fa

    Il problema è che l'estro poetico ce l'hai o non ce l'hai, e Giorgia non ce l'ha. Nonostante il vissuto molto forte.

    • A.

      A.

      15 giorni fa

      Ma non si tratta di estro, si tratta proprio di studio. La poesia non è come la matematica, ma è comunque una forma di scienza, con regole assolute e rigide, la metrica, la musicalità. Persino il verso libero ha il suo set di regole precise. È qualcosa di complicato. E poi, non puoi pensare di fare poesia senza aver letto certi autori, esattamente come la musica. Non basta andare a capo con un bel pensierino per chiamarla poesia. Quelli di Giorgia son pensierini delle medie che vanno a capo.

  • Lysis

    Lysis

    15 giorni fa

    Caro Matteo,
    Provo per te una grande stima. Perché sei onesto nelle tue valutazioni. E questa è una cosa molto rara. Quando c'era chi scriveva che Camihawke era una grande letterata, tu hai avuto il coraggio di dire che le cose non stessero così. Stessa cosa per Issima91, acclamatissimo per un libro orrendo.
    Poi c'è il problema degli attivisti di Instagram*. Persone che si dedicano ad una causa per fatturare. In una storia ti vendono la crema per la cellulite, in un'altra s'indignano per lo scandalo del giorno.
    ANCHE BASTA.
    Si tratta di persone alla ricerca di visibilità che non sono né intellettuali né attivisti. E' ora che la gente la smetta di cascarci. Capisco che spesso ci caschino solo i giovanissimi. Però rimane comunque un problema. Perché anche i giovanissimi devono capire chi è un intellettuale, uno scrittore, un attivista, e chi cerca di vendere qualcosa utilizzando la propria visibilità.
    Spero che in futuro ci siano più persone che abbiano il coraggio di dire le cose come stanno perché non se può più francamente di questi maestrini pronti a criticare tutto e tutti ma che sono solo dei grandi ipocriti.
    Grazie e buon lavoro.
    *Faccio un discorso in generale, al di là di Soleri;

    • Rossana G.

      Rossana G.

      11 giorni fa

      Sono d'accordo, e aggiungo che incensare la Soleri è un po' estremo, considerando che secondo me si ha una percezione distorta del suo attivismo. L'attivismo si può fare in tanti modi diversi e lei ha scelto quello monetizzabile, intervallandolo a marchette su laqualunque, quindi spacciarla per grande attivista/grande persona fa piuttosto sorridere. Poi potremmo anche discutere del come veicoli determinati messaggi, parlando di accettazione di sé da una posizione indubbiamente privilegiata e senza andare contro nessun canone di bellezza comunemente accettato, ma qui andremmo fuori traccia. A me sembra l'ennesimo prodotto dell'industria delle influencer, versione trasgry Tumblr wannabe intellettuale.

    • Lysis

      Lysis

      15 giorni fa

      @Aika Morgan Come ho specificato, il mio è un discorso in generale rispetto a delle tendenze che vedo (non solo in Italia).

    • Aika Morgan

      Aika Morgan

      15 giorni fa

      Però però. Tutto si può dire, tranne che Giorgia si dedichi all'attivismo per fatturare. Quello puoi dirlo di persone che non mettono in campo se stesse e il loro vissuto intimo per difendere la causa del momento. Lei continua invece a condividere parte del suo vissuto intimo che molta gente avrebbe remore a condividere anche solo con un medico. Quindi distinguiamo l'attivista dell'occasione letteraria mancata, come ha fatto giustamente Matteo.

  • StrangeEda

    StrangeEda

    15 giorni fa

    Appena hai citato Vasco Brondi nella mia mente è partito immediatamente "io e teeee davanti al Monumento dei cuori strappatiii appena fuori Cracoooviaaa"
    Di che si parlava? Amore, adolescenza e metafore ardite?

  • mariasole benedettini

    mariasole benedettini

    15 giorni fa

    visto che si parla di poesia contemporanea mi è venuto in mente Guido Catalano e sarei mega curiosa di sentire cosa ne pensi:)

  • Calliope SPT

    Calliope SPT

    13 giorni fa

    Bel ragionamento, video interessante. Meno male che la pensi così anche tu, a volte mi sento sola! La realtà sembra che nessuno voglia accettarla perchè non politicamente corretta e quindi non si può dire. Questa ragazza vende e ha visibilità perchè è molto sicura di sè, è una modella ed è la compagna di Damiano dei Maneskin. Ciò non toglie che sia una bellissima persona, intelligente, con un percorso potente, ma non è per questa ragione che ha salito la china dei social, quanto piuttoso perchè perfettamente in accordo con il sentore dei nostri tempi, con le battaglie che il mondo combatte ora. In più rispetto agli altri ha accesso a una ribalta maggiore e non per azioni che compie lei direttamente. Ci sono tante persone che scrivono magari cose oggettivamente migliori e altre migliaia con un vissuto pesante e importante quanto e più del suo, e nessuno se le caga, domandatevi perchè.

  • Anna Lida Frati

    Anna Lida Frati

    15 giorni fa

    ADOROHHHH, mentre leggevo alcune poesie pensavo "non vedo l'ora esca la recensione di Matteo"

  • Anna O.

    Anna O.

    16 giorni fa

    Sono stata al Libraccio e ho chiacchierato con il commesso giovane e neolaureato che lavora nel campo un po' qui e un po' la. Mi ha raccontato che il mercato letterario italiano é inflazionatissimo: il 75% dei libri pubblicati da Mondadori non vende NEMMENO UNA COPIA! Ma che selezione fanno le case editrici? Certi suoi compagni lavorano nelle case editrici e fanno esordire gli scrittori, con tutto il rispetto ma un neolaureato con 0 esperienza lo metti a curare il primo libro di un esordiente, imbranato e inesperto pure lui? Poi non possiamo sorprenderci se ci ritroviamo libri venduti a prezzi esorbitanti ma di qualità bassa.

    • Anna O.

      Anna O.

      15 giorni fa

      @Charlotte Atouchof esattamente.

    • Charlotte Atouchof

      Charlotte Atouchof

      15 giorni fa

      In che senso nemmeno una copia, non hanno nemmeno un amico di buon cuore o un cugino caritatevole che glielo compra? 😂🙈 Madre Santa che tristezza, poi magari chi sa davvero scrivere e ha qualcosa davvero da dire si perde nel mare magnum di spazzatura.

    • Diletta P.

      Diletta P.

      15 giorni fa

      L'importante è "fare volume" sugli scaffali, rendendo il proprio marchio ben visibile di modo che le librerie/Amazon continuino a chiedere la distribuzione e gli acquirenti a comprare. Interessa più il contenitore del contenuto. Come certi editori facciano a dormire tranquilli la notte sapendo di pubblicare quasi solo merda e/o senza interessarsi di offrire un bel prodotto non lo so.

    • N a r i

      N a r i

      15 giorni fa

      le ce hanno interesse a stampare e distribuire di continuo, poi che ne vendano 200 o 500 non gli cambia molto. Il giro di soldi avviene con la distribuzione e gli acquisti da parte delle librerie. Un po' lunga da spiegare ma la qualità di questi prodotti è l'ultima cosa a cui si interessano

  • Ckyek

    Ckyek

    9 giorni fa

    Anche a me lei come “persona” piace e credo abbia un vissuto davvero forte con tanto da dire, ma mi è bastato leggere alcune pagine postate per capire che non era un libro che per me aveva senso acquistare. Ammiro comunque il tuo essere sincero rispettando l’autrice.

  • Giulia G.

    Giulia G.

    15 giorni fa

    L'autorə può avere tanto (di potente o meno) da raccontare, ma senza la tecnica difficilmente riuscirà a comunicare in modo adeguato. E la tecnica la si ottiene con studio ed esercizio quotidiani, con tanta sperimentazione.

  • Irene Volpona

    Irene Volpona

    13 giorni fa

    grazie matteo per la tua onestà, sempre una certezza

  • Valentina Qualcosa

    Valentina Qualcosa

    15 giorni fa

    Un po’ di onestà intellettuale finalmente. Anche io seguo Giorgia e l’ammiro molto perché la considero una ragazza in gamba, però quel libro è davvero una supercazzola.

  • Irene Marchi

    Irene Marchi

    15 giorni fa

    Ti ho sempre ammirato, e ancora di più in questa recensione. Grazie!

  • Sea

    Sea

    15 giorni fa

    "non basta che ti piaccia la poesia per scrivere di poesia"
    *MEOOOW ASSERTIVE NOISES IN BACKROUND*

  • ThePandoricaOfFandoms (backup)

    ThePandoricaOfFandoms (backup)

    12 giorni fa

    sinceramente trovo che ci sia nell'ambito della letteratura un po' di arroganza da parte di queste persone famose, che pretendono di diventare scrittori e scrittrici in un battibaleno senza un minimo di studio e conoscenze pregresse: non penserebbero mai di fare lo stesso in qualsiasi altro ambito, chi mai avrebbe la presunzione di improvvisarsi medico da un giorno all'altro? Anche io seguo Giorgia e mi piace come persona, ma a quanto pare lei come tanti ricade nel mito di questo "talento innato" per cui se ci credi abbastanza improvvisamente sarai capace di fare poesia e di scrivere senza necessitare di alcun sostrato di studi.

  • Alessandra M

    Alessandra M

    10 giorni fa

    Che dialettica che hai Matteo, bravissimo e complimenti per l’onestà