Il PALERMO che sfiorò la CHAMPIONS ||| Una STAGIONE da DIO

Pubblicato il 4 gen 2022
visualizzazioni 574 431
0

🔘 Iscriviti 🔘
itload.info/tost/fmC.html...
🔥Twitch 🔥
www.twitch.tv/cronache_di_spo...
◻ Instagram ◻
cronache_di...
◼ Facebook ◼
it-it. cronachedi...
💬 Twitter
cronachetweet
®Sito Web
www.cronachedispogliatoio.it/
📱Scarica la nostra APP
www.cronachedispogliatoio.it/...
Il PALERMO che sfiorò la CHAMPIONS ||| Una STAGIONE da DIO
Ho due amici tifosi del Palermo che non si conoscono tra di loro. Uno è di Trapani, lavora per una compagnia di assicurazioni e da due anni è tornato a vivere in Sicilia. L'altro è di Caltanissetta e per i casi della vita è un dirigente dell'Atletico Madrid. Quando ho chiesto il primo ricordo che veniva loro in mente a proposito della stagione 2009-10 del Palermo, mi hanno dato la stessa risposta: lo stesso giorno, la stessa azione, lo stesso minuto.
Ma detta così a bruciapelo non farebbe lo stesso effetto. Bisogna andare con ordine e partire dall'inizio, e nemmeno da Palermo. Da duecento chilometri più a Est: da Catania, dove il 24 maggio 2009 Walter Zenga ha annunciato che lascerà la squadra dopo aver fatto il record di punti in serie A. “Non ho contatti con nessun'altra società”, giura alla RAI l'ex Uomo Ragno dopo la partita dell'addio contro il Napoli; ma dopo due settimane si accasa a sorpresa al Palermo, con un blitz di Zamparini che lo soffia alla Lazio. Nessuno è troppo contento: né i catanesi che si sentono traditi, né i palermitani che sognavano Delio Rossi, fresco di coppa Italia vinta proprio alla Lazio. Va detto che Zenga non fa moltissimo per tenere il basso profilo fin dalla conferenza di presentazione: “Io voglio puntare in alto. Io voglio vincere il campionato e i miei giocatori saranno mentalizzati per vincere il campionato”. Con il tempo Zenga proverà a spiegarsi, chiarirà che intendeva dire che voleva una squadra che giocasse per vincere tutte le partite, e quindi vincere il campionato... Ma detta così, sinceramente, non suona benissimo: migliaia di tifosi e detrattori si salvano il video tra i Preferiti, pronti a tirarlo fuori alla prima sconfitta.
Nei cinque anni consecutivi di serie A da quando la società è stata acquistata da Maurizio Zamparini, Palermo si è abituata bene, sfiorando la qualificazione in Champions ai primi tre colpi (sesti nel 2005, quinti nel 2006 e 2007) e vivendo come una delusione gli anonimi campionati a metà classifica del 2008 e del 2009. Da Palermo sono passati campioni del mondo come Barzagli, Grosso, Zaccardo e Luca Toni, poi ceduto alla Fiorentina e fischiatissimo dal Barbera quando ci è tornato con la Nazionale. Nell'estate 2009 la rosa è giovane e ricchissima di talento in ogni reparto, ma l'uomo che arriva da Còrdoba è forse per prospettiva il più forte di tutti: Javier Pastore, “el Flaco”. Parafrasando la celebre definizione che l'Avvocato Agnelli aveva dato di Omar Sivori mezzo secolo prima: più che un fuoriclasse, è un vizio. Oppure, come dirà il ct della Nazionale Argentina Diego Armando Maradona: “un maleducato del calcio, che tocca la palla come se avesse già giocato quattro o cinque Mondiali in carriera”. Ha vent'anni, ha quasi trascinato l'Huracan al titolo di Clausura 2009 e naturalmente non poteva passare inosservato al direttore sportivo italiano più sensibile al vizio: Walter Sabatini, che ha trascorso un mese in Argentina bruciando non solo Marlboro su Marlboro ma anche la concorrenza del Manchester United e del Villarreal (dove gioca il suo idolo Riquelme) pagandolo 6 milioni e mezzo. Arriva da noi praticamente sconosciuto, e stimola più che altro i giochi di parole degli spiritosi a proposito dell'accoppiata cinofila a centrocampo: Pastore-Tedesco... Raggiunge la squadra a metà luglio, già nel ritiro austriaco di Bad Kleinkirchheim, è ancora stanco per il lungo viaggio ma Zamparini vuole vederlo all'opera almeno per venti minuti, nell'amichevole contro il Villach, il 19 luglio 2009. Primo pallone: stop e tunnel d'esterno con palla in profondità per Miccoli. Sabatini in tribuna si volta verso Zamparini e lo vede con gli occhi lucidi: “Presidente, che succede?”. “Mi sono commosso”.

CRONACHE DI SPOGLIATOIO
CRONACHE DI SPOGLIATOIO
Commenti: 911  
  • Andrea Sall

    Andrea Sall

    Grandissimi. Penso che il Palermo sia una squadra con una storia interessante è sicuramente un'altra stagione da ricordare (dopo il 2000) è quella che vide protagonisti Dybala Vasquez ecc...

  • Tradizione ASR

    Tradizione ASR

    Un saluto ai nostri fratelli Palermitani! Possiate tornare al più presto in Serie A ed ai fasti di quei tempi!💛❤🤝🏻💗🖤

  • GASPIX

    GASPIX

    picciotti miei questa si chiama nostalgia del Palermo in A 💗🖤

  • Roberto Frega

    Roberto Frega

    Siete fantastici. Dopo Sfide su RAI 3 riesco finalmente a provare enormi emozioni sui racconti calcistici! 👏 continuate cosi

  • Calcio & Palermo

    Calcio & Palermo

    Grazie per questo bel regalo💗🖤🦅, avevo solo 11 anni e vedere quel Palermo per me e per i palermitani che veramente tifavano Palermo era come vedere un Barcellona o un Real Madrid per la mole di gioco che si era creata, semplicemente perchè a quei livelli fino ad allora non c'eravamo mai arrivati, Zamparini è stato si il costruttore ma anche il distruttore di questo giocattolo, probabilmente se avesse passato la mano ad un altro imprenditore non staremo parlando oggi di risalire tutta la china che stiamo provando a fare adesso. Quell'anno tra minuti di recupero assurdi , e alcune battute d'arresto che nel calcio ci possono stare il destino ha voluto che non andassimo in quell'europa che fino a qualche settimana prima quasi del tutto raggiunta, non mi scordo neanche quando andai a Roma 1 anno dopo per la finale dove li si poteva alzare finalmente un trofeo storico per noi dato che nelle due precedenti finali targate 74 e 79 ce le hanno letteralmente rubate (clamorosa specialmente quella del 74) , ritorneremo nel grande calcio ma sicuramente dovremo attendere parecchio tempo, sempre forza Palermo

  • Luciano Moggi

    Luciano Moggi

    Io sono di palermo e so quanto alla città manchi vedere la propria squadra in serie A. Speriamo che torni al più presto, perché è lì che merita di stare.

  • Andrea

    Andrea

    Avevo 10 anni...

  • Lorenzo Longinotti

    Lorenzo Longinotti

    Bravo Giulio per aver sottolineato la classe di Leverani, sempre troppo sottovalutato, ma in quella squadra tra Bovo, Cassani, Balza, Nocerino e soprattutto Miccoli era la fiera dei giocatori troppo sottovalutato.

  • Sebastiano Marino

    Sebastiano Marino

    Solo una parola: GRAZIE! Questo Palermo ci ha fatto tanto soffrire, ma ci ha regalato delle gioie più uniche che rare

  • Dario Ferrante

    Dario Ferrante

    Mi ricordo bene tutto quanto successe.

  • Vincenzo Allotta

    Vincenzo Allotta

    Ogni tifoso del Palermo ricorda quell'azione e la ricorderà per sempre sapendo esattamente dov'era se non era allo stadio. Ero a Granada a guardare la partita con la mia amica e tifosa Alessia a casa sua. Il silenzio, un silenzio profondo ad ogni colpo di tacco, non ci si poteva credere. Nessuna parola in quei pochi istanti poteva spiegare qualcosa, non arriverà il gol ma la reazione è stata alzarmi, agrapparmi alla ringhiera del balcone e cominciare ad urlare. Ho distrutto l'ugola fino a quando non uscì più voce.

  • Giovanni Campara

    Giovanni Campara

    Fate il Chievo dei miracoli di Del Neri... Primo anno in assoluto in serie a: tutto il girone d'andata in testa, una delle pretendenti allo scudetto!

  • Carlo Abategiovanni

    Carlo Abategiovanni

    Questi sono i video che adoro, storie di squadre minori che ci hanno fatto sognare e voi ovviamente siete fantastici a raccontarle, grazie

  • Giuseppe 13

    Giuseppe 13

    Che spettacolo di video . Da siciliano devo dire che manca veramente una squadra così in serie a . Magia .

  • Red Trance

    Red Trance

    E sempre Delio Rossi e quel fantastico Palermo ci regalò quella meravigliosa finale di Coppa Italia contro l'Inter con 40 mila tifosi Rosa Nero all' Olimpico di Roma!

  • Milandrea_91

    Milandrea_91

    Sirigu

  • DaperARN

    DaperARN

    Io, palermitano, ero allo stadio in quel Palermo-Samp, ospite della famiglia Zamparini. Alla fine della partita, mesti, siamo rientrati nella stanza privata del presidente, in cui vengono ospitati anche i dirigenti delle squadre ospiti. Un minuto esatto dopo, 'e entrato il presidente con gli occhi umidi e rossi. La stanza é caduta in un silenzio surreale, durato alcuni secondi che sono sembrati un secolo. Alla fine sono riuscito a dire al presidente solo un "dica ai ragazzi di non mollare", anche se non molto convinto visto che a fine campionato i risultati sono i piú scontati dell'anno. Lui mi guarda, mi abbraccia e mi dice "Certo che glielo diró ma loro lo sanno giá". Tutto ció, a sigillare quella tristezza, amarezza che noi palermitani da sempre abbiamo sempre dovuto ingoiare, come per le finali di coppa italia. È il nostro destino, ma l'amore per questi colori é piú forte di tutto.

  • Samuele Cavataio

    Samuele Cavataio

    Grazie 😍😭

  • Nicola Santangelo

    Nicola Santangelo

    "UNA STAGIONE COSÌ NON SUCCEDERÀ PIÙ"

  • Simone ✌️

    Simone ✌️

    Era fierissimo quel Palermo, da Doriano giocare contro di voi era un’angoscia continua. Non ho mai smesso di ringraziare il signore per quel pareggio che ci portò in Champions. Speriamo di ribeccarci il prima possibile…🤞